);
sovana perla maremma
I nostri Viaggi

Sovana: il piccolo borgo, perla della Maremma

Oggi vi portiamo a SOVANA, nel cuore della Maremma toscana, in provincia di Grosseto. Sovana è una frazione del comune di Sorano, ed è un importante centro etrusco e medievale. Il borgo conta circa 120 abitanti, ma attrae molti turisti in tutte le stagioni dell’anno.

PARCHEGGI A SOVANA

MAPPA GENERALE DI SOVANA – CLICCA PER INGRANDIRE

Esiste un solo parcheggio comunale, che permette anche la sosta per i Camper. C’è poi un altro parcheggio a poca distanza a pagamento. Difficilmente troverete tutto esaurito, ma se volete scattare fotografie o girare video vi consigliamo di visitare questo piccolo borgo nei giorni infrasettimanali, troverete certamente meno gente.

DA NON PERDERE

Il borgo è molto raccolto e la visita dura circa un paio d’ore. Tutto quello che vedrete è assolutamente imperdibile a cominciare dal palazzo dell’archivio situato proprio nella piazza principale. 

La costruzione che forse attrae di più è il Palazzetto dell’Archivio, costruito nel XII secolo è l’attrazione della Piazza del Pretorio, piazza più importante di Sovana, il vero punto di riferimento di questo piccolo borgo della Maremma.

CENTRO ARCHEOLOGICO E POLO MUSEALE

Sovana è anche un centro archeologico rilevante: Il Parco Archeologico Città del Tufo ha sede in questo borgo, qui c’è una necropoli etrusca, insediamento rupestre di San Rocco.

Da non perdere il Duomo di Sovana o Concattedrale di San Pietro, risalente all’XIII – IX secolo – restaurato più volte nel corso della storia, fu finito con la grande ricostruzione del XII secolo. I suoi muduli architettonici vennero presi come modello per altre celebri cattedrali toscane.

Nella Chiesa di San Mamiliano, la più antica costruzione del centro storico, si trova il “Tesoretto di Sovana” e poco distante si trova la Rocca Aldobrandesca, restaurata più volte nella storia, anche dopo l’annessione del Borgo al Granducato di Toscana. Questa devozione nel mantenimento della struttura, non ha però impedito il successivo abbandono e conseguente stato di degrado. Attualmente sono ben visibili i ruderi della Rocca.

PHOTOGALLERY

2 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *