);
carmel by the sea
I nostri Viaggi

Mangiare polenta a Carmel by the Sea: fatto!

Abbiamo inserito Carmel by the Sea nel nostro itinerario fin dal primo giorno. Ci siamo dette “E’ vicina a Monterey ed è una tappa obbligata se facciamo la costa prima di arrivare a Big Sur” e così siamo partite da San Francisco con la nostra Nissan Rogue, per vedere quella che in tanti definiscono, la perla della costa californiana.

Partiamo intorno alle 9:30 del mattino dopo una buona colazione da Denny’s – con pancake e caffè americano e prendiamo la Highway 1. C’è il sole, la temperatura è perfetta e noi siamo iper-gasate di iniziare ufficialmente il nostro on the road verso la costa.

La strada è trafficata, ma non troppo. Dopo un’ora e mezza circa, siamo a Carmel. Sono le 11 del mattino e il centro di Carmel è abbastanza affollato, nonostante la stagione estiva sia finita da un pezzo. Gli hotel cittadini e i parcheggi sono quasi tutti pieni. Mentre cerchiamo un parcheggio ci guardiamo attorno e capiamo subito perché Carmel by the Sea è così gettonata tra i viaggiatori che percorrono la nostra stessa strada. Carmel è una cittadina elegante e ordinata. Da l’idea di trovarsi nel posto perfetto, al momento perfetto. Le case basse in stile messicano perfettamente tenute, la precisione dei dettagli, le aiuole fiorite e i tanti bellissimi negozi. Sì arriviamo e subito pensiamo che a Carmel tutto sommato, potremmo anche viverci. Clima mite tutto l’anno, spiaggia, oceano, cittadina elegante. A noi sembra tutto perfetto. Giriamo un po’ per cercare difetti, ma in questa città difetti non ne abbiamo trovati. Quindi se siete di passaggio, davvero, non perdetevi questa meravigliosa località.

PHOTOGALLERY

Arriva l’ora di pranzo e vogliamo mangiare qualcosa di diverso da hamburger e Fish e Chips, che abbiamo già assaggiato all’inizio del nostro viaggio. Ci addentriamo per le vie del centro e troviamo un bel locale. L’insegna è semplice. Si può mangiare fuori, ma noi preferiamo pranzare internamente. Si sta alzando un po’ di vento.

DOVE SI MANGIA LA POLENTA A CARMEL?

Il ristorante si chiama “BASIL” ed un locale che si ispira alla cucina italiana. In genere difficilmente mangiamo italiano all’estero, ma di questo locale ci ha ispirato il menù del giorno, che proponeva un classico lombardo: la polenta.

E’ un ristorante di classe. Il cameriere ci accompagna al tavolo e ci indica le proposte dello chef. Scegliamo piatti dal menù del giorno, senza nemmeno sfogliare la carte. Ordiniamo due antipasti, dei ravioli vegetariani alla zucca e appunto, la polenta. Nell’attesa ci portano del pane con il pesto. E questo gesto ci è piaciuto molto. Porzioni abbondanti e cucinate bene, come fossimo a casa. Siamo uscite dal ristorante davvero sazie, il BASIL ha superato le nostre aspettative e ci sentiamo di consigliarlo, senza alcun dubbio.

Quello che ha stupito davvero tanto è stata la polenta, condita con burro e parmigiano. Una sorta di “Pulenta cunscia” più light. Ovvio mancava il formaggio fuso, ma vi possiamo garantire che è stato uno dei pasti più buoni di tutta la nostra vacanza. Non abbiamo visto italiani nel locale, ma pensiamo di aver trovato un ottimo ristorante italiano. Il conto? Giusto per quello che abbiamo mangiato e per la location. Abbiamo speso 84 dollari e siamo uscite soddisfatte e felici. Insomma mangiare l’autentica “Pulenta Cunscia” a Carmel non ha prezzo.

Dopo pranzo andiamo a fare due passi in spiaggia. Il profumo del mare, di salsedine, di sabbia è davvero notevole. Non abbiamo mai sentito un profumo così intenso. L’oceano è agitato. Le onde sono alte e ci sono tanti surfisti in spiaggia. Insieme a loro tanti bambini e famiglie che vengono a respirare un po’ di vera aria di mare.

Noi siamo come bambine. Chiudiamo gli occhi e respiriamo intensamente. C’è vento. Inizia a fare “freddo”. Mettiamo una felpa e ci dirigiamo verso le onde. Ci facciamo un selfie? E un video per Instagram? Per poco un’onda anomala non ci lava completamente. Che bellezza. La foschia sale. Non si vede l’orizzonte, non si capisce più che tempo fa. Il sole c’è, ma non si vede è offuscato dalla nebbia.

PHOTOGALLERY SPIAGGIA

Torniamo alla macchina e vediamo le indicazioni per una famosa strada panoramica. Una via privata, gratuita per pedoni e ciclisti, a pagamento per le auto. Possiamo perdere questa occasione? Non era in programma, ma abbiamo tempo e si fa! Stiamo parlando della 17 – MILES DRIVE. Vi raccontiamo tutto nel nostro prossimo post.

4 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *