Costiera Amalfitana vs Costiera Sorrentina

Costiera Amalfitana vs Costiera Sorrentina, sembra un match di boxe invece è tutt’altra cosa. Noi le abbiamo viste partendo da Raito, frazione di Vietri sul Mare e abbiamo scelto bene. Abbiamo visitato in lungo e in largo entrambe le due costiere e inutile dirvi quanto ci sono piaciute.

Entrambe le costiere sono caratterizzate da paesaggi mozzafiato, mare da urlo, cibo che non vi stiamo nemmeno a raccontare, ed è normale fare una sorta di classifica a fine viaggio, ma se dobbiamo dirla tutta, non siamo riuscite a decretare un vero e proprio vincitore. La Costiera Amalfitana è forse quella più famosa con location più conosciute e instagrammate, ma anche la Costiera Sorrentina non scherza con le sue spiagge e il mare fantastico.

Diciamocelo in confidenza: le due Costiere si somigliano molto, ma guai a fare confusione. Il posto che forse abbiamo visitato più spesso è stato Sorrento, usato anche come luogo di partenza per Capri, ma abbiamo visitato diverse volte anche Positano e Amalfi, dunque andiamo con ordine e iniziamo dalla geografia.

Dove inizia e dove finisce la Costiera Amalfitana? Dipende da dove si parte. In ogni caso sono 13 i comuni che fanno parte di questo angolo di Campania e in ordine alfabetico sono:

Amalfi, Atrani, Cetara, Conca de’ Marini, Furore, Maiori, Minori, Positano, Praiano, Ravello, Scala, Tramonti e Vietri sul Mare.

CLICCA PER VEDERE LA MAPPA DELLA COSTIERA AMALFITANA NEL DETTAGLIO

La strada che collega la Costiera Amalfitana alla Costiera Sorrentina e viceversa è piena di insenature, curve e ricurve e non è facile delineare in tempo reale lo sconfinamento da una parte o dall’altra, tuttavia con un comune navigatore satellitare è semplice marcare i confini.


Dove inizia e dove finisce la Costiera Sorrentina? Anche in questo caso dipende sempre da dove si arriva e in che direzione si sta andando. I comuni della Costiera Sorrentina sono 6 e in ordine alfabetico sono:

Massa Lubrense, Meta, Piano di Sorrento, Sant’Agnello, Sorrento e Vico Equense.

CLICCA PER VEDERE LA MAPPA DELLA COSTIERA SORRENTINA

CONSIGLI PER VISITARE TUTTO, SENZA PERDERSI NULLA

E’ vero. Dobbiamo ammetterlo. Abbiamo fatto qualche errore di troppo. Dobbiamo essere obiettive: quando si programma un viaggio bisogna sempre prendere in considerazione tutte le variabili, anche se non è facile prevedere quello che poi succederà. Questo è stato un On the Road nato in tempi non sospetti. Abbiamo prenotato la casa a dicembre 2019 subito dopo il nostro OTR in USA e mai avremmo potuto immaginare quello che sarebbe successo dopo, con la pandemia. Quello che forse avevamo sì preventivato, ma non considerato a pieno sono stati i parcheggi.

Piccola spiaggia nei pressi di Maiori

Intendiamoci, sapevamo benissimo che era difficile parcheggiare e che in alcuni punti il parcheggio esiste solo a peso d’oro, ma non potevamo davvero immaginare di dover rinunciare a qualche visita per colpa del parcheggio. L’esempio più eclatante è stato CETARA, il paese famoso nel mondo per la colatura delle alici si è rivelato per noi proibitivo. Anzi un vero e proprio incubo. Ci abbiamo provato per ben 3 volte, ma non siamo MAI riuscite a parcheggiare. Nemmeno in doppia o tripla fila, nemmeno per qualche minuto. Niente. E’ stata davvero una mission impossible che ovviamente ci porterà senz’altro a riprovarci.

Siamo tornate a casa senza aver visto il borgo e senza aver acquistato nemmeno una piccola bottiglia di “elisir” di alici. Niente di niente. Ci organizzeremo meglio la prossima volta.

La stessa cosa è successa a FURORE. Ci siamo passate durante la prima giornata in Costiera e ci siamo ripromesse di prenotare un ristorante per poter parcheggiare comodamente, poi per impegni lavorativi, di cui poi vi racconteremo, ci è saltata la tappa. E quindi niente, siamo assolutamente convinte di tornare in questo piccolo angolo di paradiso.

Quello che possiamo assolutamente consigliarvi è di vedere e programmare le visite in Costiera via mare. Noi l’abbiamo fatto il penultimo giorno di vacanza, per vedere tutte le cittadine dal mare e ne siamo rimaste entusiaste. Da Maiori a Positano il prezzo del biglietto è 9 euro (a tratta) ma vi possiamo dire che l’esperienza vale davvero.

Foto scattata dal traghetto

Oppure potete provare a prendere i BUS, che in costiera sono una vera e propria risorsa. Ne abbiamo visti tanti. Noi ci siamo mosse sempre in auto e ci siamo godute a pieno le curve e le contro-curve di una zona d’Italia meravigliosa. Cosa ci è piaciuto di più? A distanza di quasi due mesi, non sappiamo davvero dire cosa ci ha regalato più emozioni. Forse il tramonto a Positano su una terrazza incredibile è stato il momento più bello del viaggio, ma di questo ne parleremo in un altro post!

Noi ci siamo divertite da morire su quelle strade strette e curve e ci siamo anche impanicate in qualche occasione. Ma è un viaggio incredibilmente bello e una volta nella vita bisogna farlo! Siamo tornate felici di esserci state e pronte a ritornarci nuovamente. E ora è il momento di qualche foto scattata durante le tappe panoramiche. Enjoy!


PIXDIARY

Ora che avete avete una vaga idea di cosa potreste davvero vedere nelle due Costiere, vi suggeriamo di continuare a seguirci perché a breve usciranno diversi articoli su come organizzare al meglio la vostra permanenza in una delle zone più belle d’Italia.

[…] Dove dormire in Costiera amalfitana? E’ stata la prima domanda che ci siamo fatte fin dall’inizio della nostra pianificazione del nostro on the road tutto italiano. Di solito prenotiamo alberghi, b&B e appartamenti solo dopo aver delineato dettagliatamente il percorso e in base a quello si sceglie di dormire una notte qui, una notte là. Ma questa volta non poteva essere così. Rispetto a tutti gli altri OTR che abbiamo fatto in passato, i chilometri di percorrenza erano abbastanza esigui pertanto era più logico trovare una sistemazione unica per 7 notti, un posto strategico perfetto per visitare sia la Costiera Amalfitana che la Costiera Sorrentina. […]

Complimenti per il viaggio on the road alla scoperta di alcune delle zone più belle d’Italia. Tenendo conto della difficoltà nel trovare parcheggio credo che mi orienterei sugli autobus. Peccato che non abbiate potuto visitare alcuni posti proprio per la mancanza di parcheggio ma sono sicura che vi rifarete in futuro!

Lascia un commento