I nostri Viaggi

Cascata delle Marmore, cosa vedere e come organizzarsi

Era sulla nostra lista dei viaggi dei sogni da molto tempo e finalmente quest’anno il sogno si è avverato e adesso vi raccontiamo la nostra escursione alla Cascata delle Marmore, una delle più belle d’Europa e una delle più famose in Italia.

Ma si dice Cascata o Cascate delle Marmore?

L’espressione esatta è al singolare: Cascata delle Marmore, perché la cascata è una sola ma si divide in tre salti – da qui l’erroneo modo di dire “cascate delle marmore”.


Dove si trova la Cascata delle Marmore e come raggiungerla

La Cascata delle Marmore si trova in provincia di Terni, all’interno di un parco naturale. La particolarità di questa cascata è che il flusso dell’acqua è controllato dall’uomo – dunque di fatto è una cascata artificiale, ma non una qualsiasi, con la sua altezza di 165 metri è tra le più alte del mondo – se non consideriamo le cascate naturali sparse sul pianeta.

Il rilascio del flusso d’acqua è pianificato ad orari prestabiliti ed è annunciato dal suono di una sirena. Tendenzialmente il rilascio inizia ogni mattina alle 11 e si protrae per il resto della giornata fino all’orario di chiusura del parco.

Quest’anno ci siamo regalate un on the road all’insegna della natura, delle passeggiate nel verde e della ricerca di luoghi poco conosciuti e la prima tappa del nostro itinerario è stata proprio la Cascata delle Marmore. La protagonista assoluta della nostra estate. Tutto il resto è venuto dopo!


Come organizzare la vostra escursione alle Cascate delle Marmore

Per prima cosa non dimenticate che la Cascata delle Marmore è uno dei luoghi più visitati e più gettonati d’Italia, soprattutto in estate, dunque consigliamo di programmare per bene la vostra visita con un po’ di anticipo. Non è necessario programmare con mesi di anticipo, ma considerate di farlo qualche settimana prima, soprattutto se volete andare nei mesi più caldi.

Noi, ad esempio, abbiamo prenotato il 7 agosto per andare alle Cascata il 17 agosto. Abbiamo controllato le previsione meteo per quella giornata e abbiamo scelto il giorno. Consigliamo dunque di prenotare una decina di giorni prima.

Il biglietto non è rimborsabile, dunque tenetene conto quando decidete di andare.

Per quanto riguarda l’organizzazione logistica della zona, dobbiamo dire che le autorità locali si sono fatte in quattro per rendere l’esperienza perfetta ed è filato tutto liscio, dunque una volta scelta la data vi consigliamo di acquistare il biglietto d’ingresso online e se andate con mezzi vostri (auto o moto) vi consigliamo di prenotare anche il parcheggio.

Nonostante i numerosi posti auto, noi consigliamo di prenotare tutto prima in modo da arrivare sul posto senza dover girare a cercare parcheggio perdendo davvero tanto tempo.


Dove parcheggiare e quanto costa l’ingresso alla Cascata delle Marmore

Come abbiamo detto nel paragrafo precedente vi sono tantissimi posti auto a disposizione, proprio all’entrata del parco. Ci sono spazi a pagamento con parchimetro a ore, una zona riservata ai camper e 2 grandi parcheggi a pagamento prenotabili online:

  • Parcheggi P1 e il P2. Entrambi vicini quelli all’ingresso del parco. Con 5 euro si può sostare tutta la giornata senza grossi pensieri. Segnaliamo che i due parcheggi non sono custoditi.
  • Parcheggio P3, gratuito, situato un po’ più lontano, sulla strada che porta al centro di Terni, ma ci dicono ben collegato all’ingresso del parco con una comoda navetta.

Noi abbiamo prenotato il Parcheggio P1 ex Viscosa e ci siamo trovate benissimo. Tra l’altro acquistando il biglietto d’ingresso online non abbiamo fatto 1 minuto di fila per entrare.

Per tutte le info e le prenotazioni di biglietti e posto auto vi rimandiamo al sito ufficiale della Cascata delle Marmore che trovate cliccando sul pulsante di seguito:


Orari e aperture della Cascata delle Marmore

Gli orari di ingresso al parco variano a seconda della stagione. In estate il parco apre alle 10 del mattino e resta aperto fino alle 20, il sabato e la domenica apre alle 9 e chiude alle 22:30. Per gli altri mesi dell’anno vi consigliamo di controllare sul sito ufficiale che trovate a questo link


Cosa fare all’interno de parco

clicca sulla mappa per scaricarla in alta definizione (fonte sito cascatadellemarmore.info)

Una volta entrati nel parco troverete 6 diversi percorsi da scegliere. Dal più semplice, adatto a bambini e anziani al più difficile, adatto agli escursionisti più esperti (il #6).

Il biglietto costa 10 euro con qualche riduzione per bambini e senior over 65.

Il percorso #1 è il più antico e vi farà passare da sentieri che fino a qualche anno fa utilizzavano i residenti per raggiungere il paese di Marmore. E’ il percorso che collega il Belvedere Inferiore a quello Superiore – ed è a doppio senso, quindi potete partire da dove volete.

Il percorso #2 e il #3 sono quelli più tranquilli. Sono a senso unico, questo vuol dire che dovete partire per forza dal punto indicato nella mappa. Sono percorsi adatti a tutti e toccano punti famosissimi. I sentieri sono facili e pieni di scalette e ponti in legno.

Il percorso #4 è il percorso più turistico, ma non è semplice come i primi 3. L’escursione dura molto di più e permette di vedere sicuramente più punti panoramici

Il percorso #5 è il percorso più lungo, si estende per circa 1 km in zona pianeggiante. Oltre ai punti di interesse legati alla Cascata delle Marmore si possono vedere diversi reperti di archeologia industriale. L’escursione parte dal Belvedere Superiore.

Il percorso #6 è solo per escursionisti molto esperti. Il percorso è difficile e lungo. Per chi se la sente di provare l’accesso a questo sentiero è completamente gratuito.


PIXDIARY MARMORE



Perché abbiamo scelto il percorso #2 e perché lo consigliamo a tutti

Vedere la Cascata delle Marmore era nei nostri sogni da tanto tempo, l’ultimo anno ci ha messo a dura prova, tra covid e infortuni vari ma non volevamo rinunciare. Così abbiamo optato per il percorso #2, della durata di circa 40 minuti tra sali-scendi in sicurezza e con punti panoramici davvero belli!

Il percorso è fatto da scale e ponti di legno caratteristici che collegano i tre salti della cascata.


Outfit e altri consigli utili

Consigliamo a tutti di vestire comodo. I percorsi anche quelli più semplici, prevedono camminate all’interno del parco tra scale e scalette di legno che con l’umidità della cascata si bagnano pesantemente. Pertanto consigliamo di portare con voi un un k-way se non volete fare docce gratis, ma soprattutto vi consigliamo di indossare scarpe comode e antiscivolo.


Dove mangiare nei pressi della Cascata

Per prima cosa dobbiamo avvisarvi che all’interno del parco è proibito consumare cibo se non nelle aree adibite a “ristoro”.

Dunque come avrete già capito vi sono dei punti dove è possibile acquistare cibo e mangiare su comodi tavolini da picnic. Il primo che incontrerete sicuramente è l’area di ristoro Byron, proprio davanti al Belvedere omonimo. E’ in posizione strategica, se riuscite vedere di essere lì quando aprono il flusso d’acqua (intorno alle 11).

Per il pranzo noi abbiamo preferito uscire dal parco e mangiare al Ristorante Zengoni – sulla via Flaminia che porta a Spoleto. Ci siamo trovate bene e sicuramente, se ci capiterà di essere di nuovo in zona, ci torneremo.


I tre punti più instagrammabili della Cascata delle Marmore

Ogni punto è straordinariamente fotogenico. Ne abbiamo avuto prova, dunque fidatevi. Per chi ha vuole fare il nostro stesso percorso questi sono i 3 punti più belli, ma davvero il sentiero merita tante tante foto!

  • Belvedere Byron situato nel Belvedere Inferiore. Luogo dedicato a Lord Byron che durante il suo Grand Tour d’Italia rimase particolarmente affascinato dalla Cascata descrivendola “orribilmente bella”.
  • L’anello della Ninfa – zona particolarmente umida. Qui vi farete una doccia fantastica!
  • Belvedere sentiero n.2 – la zona più alta del sentiero vi mostrerà la parte alta della Cascata e se la giornata è nitida potrete vedere anche una quantità importante di arcobaleni – noi ne abbiamo contati almeno 4.

Guarda il nostro video