);
ronda plaza de toros

L’arena più antica di Spagna: Plaza de Toros de Ronda

Ronda è stata una delle tappe fortemente volute da entrambe, si può dire che tutto l’itinerario andaluso è stato costruito intorno alla visita di questa piccola città, famosa per il Ponte Nuevo a strapiombo sul fiume Guadalevin. Ma per noi Ronda era importante perché ci avrebbe regalato la nostra prima volta all’interno di un’arena de Toros, e non un’arena qualsiasi: parliamo della più antica di Spagna, inaugurata nel 1785 alla presenza di uno dei toreri più famosi di sempre: Pedro Ròmero, il padre della Corrida moderna, colui che uccise oltre 6000 tori in carriera.

Proprio a lui è dedicata una delle manifestazioni a tema più importanti di Spagna: la Corrida Goyesca che attira ogni anno migliaia di visitatori.

Non è la prima volta che vediamo un arena, ma è la prima volta che ne visitiamo una interamente. Anni fa a Valencia abbiamo declinato l’invito ad assistere ad una vera e propria Corrida, a Madrid nel 2018 non eravamo riuscite a programmare una visita vera e propria, ma quando abbiamo pensato all’Andalusia, la prima cosa che abbiamo segnato sul percorso è stata Ronda e la sua arena.

Purtroppo il tempo è tiranno ed eravamo consapevoli che avevamo solo una giornata intera da dedicare a Ronda e alle sue bellezze così abbiamo provato ad “incastrare” per bene tutti i nostri VIP (Very Important Points), che non potevamo e non volevamo assolutamente saltare.

PHOTOGALLERY

Dopo aver letto diversi articoli di colleghi blogger e analizzato bene la mappa, abbiamo pensato di ottimizzare i tempi prenotando un albergo proprio davanti alla Puerta n. 4 dell’arena, così da poterla visitare per prime la mattina successiva, subito dopo colazione, prima di partire per Arcos de la Frontera.

L’obiettivo era visitare l’interno dell’Arena senza folla per poter scattare qualche foto e soprattutto girare un piccolo video. In inverno l’Arena apre alle 10:00 così prima di fare il check out siamo uscite e ci siamo presentate ai cancelli. Siamo state le prime due visitatrici e per qualche minuto anche uniche. Missione compiuta!

Plaza de Toros Ronda

L’ingresso in arena è qualcosa di splendido. La costruzione in stile neoclassico è composta da due anelli, all’interno le scale di pietra per salire e scendere dai due anelli contengono numerosi inserti in ceramica che raccontano scene di vita di corride passate. Il palco reale e la tribuna d’onore e tutti i pannelli di legno con simboli originali circondano tutta l’arena. I nostri occhi luccicano di felicità.

E’ un vero spettacolo. Infine lasciateci spendere due parole per l’importante museo interno dove sono custoditi vestiti, armi e altri pezzi rari di arte taurina. Ci sono documenti originali e tantissimi dettagli e attrezzi utilizzati durante le corride antiche.

La Plaza de Toros de Ronda come set video musicali famosi

L’emozione di entrare in un edificio di questo tipo è stata inaspettata. Sembrerà stupido, ma ci ha ricordato la prima volta che abbiamo varcato la porta dello Stadio di San Siro (per Moira) e dello Stadio San Paolo (per Raffaella). Il silenzio poi ha amplificato ancora di più queste emozioni. E poi ad un tratto ci è venuto alla mente che qui, a Ronda, all’interno di questa arena è stato girato uno dei video musicali più famosi della carriera di Madonna. Ve lo ricordate il suo duetto con Babyface del 1993? Presentato a San Remo nel 1994? Eccolo qui:

Il video di “Take a Bow” – scritto e prodotto insieme a Babyface – per il suo album “Bedtime Stories” è girato in parte all’interno dell’Arena de Toros di Ronda e in parte nella Casa del Rey Moro, che abbiamo visitato il pomeriggio precedente e di cui vi parleremo in un articolo approfondito.

Alcuni spezzoni del video non utilizzati di “Take a Bow” sono stati inseriti nel video della canzone “You’ll See” del 1995 – ambientato anch’esso in un’arena da Corrida.

Tornando ora al racconto meno frivolo, Plaza de Toros de Ronda è stata nominata Patrimonio Culturale spagnolo ed è la sede della Real Maestranza de Caballeria di Ronda, organo istituito nel 1572, da Sua Maestà Filippo II di Spagna.

Alla fine della visita troverete un bellissimo shop, come sempre accade all’uscita dei musei, questo però è diverso. Non è il classico negozietto di souvenir che si trovano ovunque. No qui si possono acquistare dei prodotti fatti davvero bene. Noi consigliamo le calamite in vetro decorate a mano e i bellissimi ventagli.

Ticket disponibili sul posto 6 euro a persona

9 Comments

  • Giovy

    Conoscevo la storia di questa Plaza de Toros ma non sapevo che Madonna avesse girato parte del video lì. Credo non riuscirei mai a vedere una corrida ma, sicuramente, ammirare un luogo così quando è vuoto è un qualcosa da fare, mentre si viaggia in Spagna.

  • Silvia

    Un luogo senz’altro degno di nota che non può mancare durante un soggiorno qui ma non amo il fatto che vi si facciano le corride. Non ricordavo del video musicale di Madonna sono andata a vedermelo e pensare che da ragazzina la seguivo molto. La mente a volte cancella delle parti di ricordi senza che ce ne rendiamo conto

    • Helene

      Non potrei mai assistere ad una corrida ma visiterei sicuramente un’arena come questa per respirarne la storia. Da tempo sogno l’Andalusia ma dovrò aspettare di avere la possibilità di un viaggio non estivo (cosa al momento impensabile) per non morire di caldo.

  • ANTONELLA

    Per ragioni etiche sono assolutamente contraria alla corrida anche se mi è capitato di assistervi a Siviglia. La Plaza de Toros di Ronda però è un luogo particolare che trascende l’uccisione dei tori. E’ storia, tradizione e costume. Mi sono anche io incantata al museo ad ammirare quei bellissimi abiti e a leggere tutte le storie dei toreri.

  • Simona

    Articolo interessante pieno di informazioni e curiosità. Non vi nego che i miei sentimenti nei confronti delle arene sono piuttosto contrastanti. Non riesco a dimenticare perchè sono state costruite e il sangue degli animali innocenti che vi è stato versato. Dal punto di vista architettonico però devo dire che è molto bella. Complimenti per essere riuscite a fotografarla senza turisti!

  • Carola Sproloquier

    Bellissimo questo il video di Madonna, immagino che sensazione incredibile trovarsi lì! Anch’io non amo particolarmente l’idea delle corride ma non possiamo dimenticare che è nelle radici e nella storia del paese. e la magnificenza di un’arena vuota e silenziosa può toglierti il fiato!

  • Sara

    Nella mia quasi completa ignoranza sulla Spagna non sapevo che fosse possibile visitare le arene da vuote, senza corride. Effettivamente non potrei mai assistere a una corrida ma magari visitarla all’interno è un’idea che non mi dispiace, la terrò a mente.

  • Stefania

    Proprio non sapevo si potesse entrare nelle arene vuote, trovo che l’architettura di questa sia bellissima.
    Non credo assisterei mai ad una corrida ma spinta dalla curiosità probabilmente farei come voi e entrerei quando lasciano spazio solo ai visitatori 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *